Archivi

EMANUELA MELONI 2019
833 833 SPACE9

EMANUELA MELONI

Asinara, 2019

Come si può incontrare un’isola?
Come si può dare una forma allo stupore dell’incontro?

L’isola dell’Asinara è terra lambita da sole e onde su ogni suo lato, aspra, selvatica e odorosa. Ha visto stagioni di milioni di anni, ha cambiato facce e vite inimmaginabili per le nostre menti piene di muri. Degli uomini ha visto le mani e i volti segnati dalle pene e li ha ripagati con un cielo basso di stelle, con un silenzio che brucia l’udito.

Tra i suoi profili oggi silenziosi di passi, nella notte popolata da animali indifferenti al nostro passaggio, tra le crepe degli edifici abbandonati come scarti sul suo corpo di Terra, sono affiorate immagini dal buio, accompagnate da rime di parole.
Pietre, Stelle, Acqua, Luce sono diventate qui le mie alterità d’elezione, «gli altri» a cui mi sono rivolta, rimanendo in ascolto, aprendo le braccia per tenermi in equilibrio sulla soglia dell’incommensurabile.