Sardegna

VALERIA CHERCHI
150 150 SPACE9

Valeria Cherchi (Sassari, 1986)

E’ un’artista che  lavora con immagine e testo sul tema del ‘non detto’ in rapporto a varie questioni sociali.
Dopo gli studi in Disegno Industriale alla Sapienza di Roma e un master in fotografia alla University of the Arts di Londra, ha seguito la Masterclass Fotografare la storia di Simon Nor- folk presso la ISSP in Lettonia. Nel 2018 Valeria è stata selezionata tra i sedici mi- gliori fotografi emergenti a livello globale dal British Journal of Photography.Nel 2019 è stata selezionata per Plat(t)form del Fotomuseum Winterthur, nominata per il C/O Berlin Talent Award, il 6×6 Global Talent Program, la Joop Swart Master-class e nel 2020 è tra i fotografi selezionati dalla Magnum Education per il workshop Taking Your Time: Expanding Long-Term Visual Projects. Il suo lavoro è stato pubblicato internazionalmente (Else- Musée de l’Elysée, Internazionale, Vogue.it) ed es- posto nei principali festival del settore (Photo London, Unseen, Krakow Photomonth, Fotografia Europea, Athens Photo Festival).
Il suo primo libro foto testuale ‘Some of You Killed Luisa’ viene pubblicato nel 2020 dalla casa editrice olandese The Eriskay Connection.

PERSONALI

2020
Anatomy of Silence, Photo London, London, UK – POSTPONED
Anatomia del Silenzio – A cura di Antonella Camarda e Giangavino Pazzola, Museo Nivola – Orani, IT

2013
I used to – A cura di Elisabetta Masala Fondazione Logudoro Meilogu, Banari, IT

MOSTRE COLLETTIVE

2020
Addis Foto Fest – A cura di Aida Muluneh, Addis Ababa, ET
Foto|hub- A cura di Francesca Fontana, Tuscany, IT – POSTPONED

2019
Athens Photo Festival- A cura di Manolis Moresopoulos, Hellenic Centre for Photography, Αthens, GR
Looking On,- A cura di Elisa Medde, Museo d’Arte della città di Ravenna, Ravenna, IT

2018
Futures Narratives, Unseen- A cura di Amelie SchüleAmsterdam, NL
GPF2018 Guernsey Photography Festival – A cura di Jean-Christophe Godet, Guernsey, UK
So Far, Landskrona Photo Festival- A cura di Jenny Nordquist, Landskrona, SE
The Family of No Man – A cura di Natasha Christia e Brad Feuerhelm, Cosmos, Les Rencontres D’Arles – Arles, FR
Futures (Proiezione), PhotoESPAÑA – Madrid, ES
BJP Ones To Watch- A cura di Simon Baindridge, Copeland Gallery, Photo London – London, UK
ShowOff – A cura di Jenny Nordquist, Krakow Photomonth – Krakow, PL
Activism- A cura di Daniele De Luigi GFI #06, Fotografia Europea – Reggio Emilia, IT

2015
SiFest Off, Savignano Immagini Festival – IT
Of People and Places – A cura di Frances- ca Wilkins, Oxford House – London, UK

LORELLA COMI
150 150 SPACE9

Lorella Comi (Sassari, 1962)

Figlia d’arte, inizia a muovere i primi passi nel mondo della fotografia nei primi anni ’80 nello studio di famiglia, acquisendo naturalmente conoscenze e competenze.
Col tempo sviluppa uno stile del tutto personale nella composizione e nel taglio delle immagini, che prediligono architetture nel paesaggio, strade di città, interni di case e teatri. Le immagini si caratterizzano per i colori brillanti e vivaci, gli spazi sono reali ma in essi c’è qualcosa di metafisico. La composizione delle immagini è talora geometrizzante, con luci “artificiali” rarefatte che riplasmano il reale. La scena è spesso deserta, raramente vi è più di una figura umana. Attualmente la ricerca artistica si è focalizzata sulle dinamiche della società contemporanea, spesso non a favore dell’essere umano.
Si avvale di differenti medium espressivi, alla fotografia affianca i video, entrambi sia analogici che digitali.

PERSONALI

2019

Babilonia 2, a cura di Ilaria Mura, testi critici Alessandra Ruggiu, Eugenia Da Bove; Libreria Mondadori, Sassari

2017
7047 Omaggio fotografico ad Antonio Gramsci, hora Spazio Espositivo, Sassari ,

2016
Babilonia, a cura di Roberto Satta; Cesi, Sassari

COLLETTIVE

2019
Nuovi Spazi: arte, storie, musica, a cura di Massimiliano Rubattu; Spazio Sinetempore, Sassari,
Collettiva Itinerante d’Arte Contemporanea, a cura dell’Associazione Culturale Intra Intro, Sassari

2018
End of the year, a cura di Alessandro Ponzelletti, Camera di Commercio Sassari,
Collettiva per la rivista culturale Sassari ieri, oggi, domani; a cura di Benito Olmeo, Moriondo Caffè, Sassari
Lavacrum, a cura di Marina Scardacciu e Dario Caria, testo critico Alessandro Ponzelletti, Antico Lavatoio di Uri, Uri

2017
Bosa art invaders, a cura di Annalisa Zarelli, Ex Convento del Carmelo, Bosa
Arte alle Clarisse, a cura di Francesco Zolo, Ex Convento delle Clarisse, Ozieri

2016
Bosa art invaders, a cura di Annalisa Zarelli, Bosa
Alice è passata di qua, a cura di Roberto Satta, Sassari
Nessuna Esclusa, a cura di Rossana Corti, Cagliari
 A.bandaMostra Generale, a cura di Salvatore Ligios; Mas.Edu, Sassari
Gli antichi mestieri, a cura di Rossella Gadau, Antonio Ruzzoli, Marta Pais; Museo Archeologico,Olbia
Gli antichi mestieri, a cura di Rossella Gadau, Antonio Ruzzoli, Marta Pais; Museo G. Sanna, Sassari

2015
Inadeguato, a cura di Maria Diana, Roma
La Nuda Vita, a cura di Marco Sanna, Chiostro dell’Arcivescovado, Sassari
Il diritto alla vita, a cura di Marco Sanna, ex Ospedale Psichiatrico, Sassari
Gente illuminata, a cura di Beppe Borrella, Bergamo
Nuoro in fotografia, a cura di Marco Sanna, Nuoro
Moi Meme”, a cura di Roberta Filippelli e Mariolina Cossellu, Spazio Res Pubblica, Alghero
Inadeguato, a cura di Silvia Moretta, Pescara

2014
Inadeguato, a cura di Jole Serreli, Art Meeting, F.C. Macis, Cagliari
Inadeguato, a cura di Mario Fois e Jole Serreli, Nuoro
Voglio L’erbavoglio, a cura di Mariolina Cossellu e Roberta Filippelli, Spazio Res Pubblica, Alghero
Inadeguato, a cura di Jole Serreli e Fabio Costantino Macis, Spazio Industriale, Sassari

2013
Mille papaveri rossi,  a cura di Italo Medda e Anna Boschi, Galleria G28, Cagliari

2012

Save the children, a cura di Alessandra Delrio, Sorso (SS)
Di Vin’arte, a cura di Francesca Soggiu, Sassari

2011

Frame, fotogrammi in corto,a cura di Francesco Zoppè, Sassari
Intra Intro in s’arboria, a cura di Francesco Zolo, Sassari
La terra, L’amore, Sassari
8 Marzo in ExQ, ExQ, Sassari

Musica sulle Bocche 2011, proiezione delle immagini della mostra “Fotografando Lungoni” sui palazzi del centro, S. Teresa di Gallura (SS)
Il nucleare è un suicidio, collettiva, a cura di Giuseppe Sanna, Ciclofficina, Sassari
XX, a cura di Giulia Sale, ExQ, Sassari
Fotografando Lungoni, a cura dell’Associazione Culturale f64, S. Teresa di Gallura (SS)

2002
Fotografi e illustratori in Sardegna, a cura di Alberto Paba e Silvia Borghetto, testo di presentazione Gavino Sanna, Fiera Internazionale del libro, Francoforte
Fotografi e illustratori in Sardegna, a cura di Alberto Paba e Silvia Borghetto, testo di presentazione Gavino Sanna, Salone internazionale del libro, Torino

2001
Fotografi e illustratori in Sardegna, a cura di Alberto Paba e Silvia Borghetto, testo di presentazione Gavino Sanna, Cagliari

EDITORIA

Intervista su rivista culturale “Sassari ieri, oggi, domani” a cura di Benito Olmeo, Edizioni Maxottantotto, 2018
“A.Banda 2016 Fotografia Contemporanea, Appunti sulla Sardegna”, Soter Editrice, 2016.
“Fotografando Lungoni. Monumenti teresini nelle immagini”, a cura di Salvatore Ligios, 2012.
Presente nel III° volume del “La Grande Enciclopedia Della Sardegna” del quotidiano La Nuova Sardegna, in qualità di fotografo, 2007.
“Fotografi e Illustratori in Sardegna”, Carlo Delfino Editore 2001, presentazione di Gavino Sanna, segue mostra itinerante: Cagliari, Torino, Francoforte.

RICONOSCIMENTI

2016
2° premio al Concorso Fotografico “Spinosissima”

2015
2° premio al Concorso Fotografico indetto dall’associazione Mondo X, “Uno scatto per dare voce”, con l’opera dal titolo “Nemici appropriati”.

2015
1° premio Concorso Regione Autonoma Della Sardegna – AICA (Associazione Italiana per l’Informatica ed il Calcolo Automatico); Progetti Digitali – IeFP Sardegna; con il Progetto I.P.I.A “Tutto ha un inizio – L’idea e la forma”

MARIO SARAGATO
150 150 SPACE9

Mario Saragato (Sassari, 1976)

La sua produzione inizia nel 2011 con la pubblicazione del libro Sputeremo sulle vostre tombe dedicato al mondo degli ultras. I suoi lavori affrontano diverse tematiche: dagli scacchi, alla tessitura, passando per progetti di stampo più intimo e personale caratterizzati da un’attenzione particolare per la fotografia di ricerca. Nel 2019, dopo la pubblicazione con Chiara Cordeschi del libro Tetralogia dell’amore perduto, crea ad Aggius il Museo dell’Amore Perduto.

PERSONALI

2019
Museo dell’Amore Perduto, Aggius

2017
Sa petta su sambene sa molte, a.Banda, Thiesi, Villa Verde
M, Il Mostro Bù e il Razionalismo, Museo Etnografico MEOC, Aggius

2016
Un paese che racconta, Museo Etnografico MEOC, Aggius
Cinque giorni imbecilli, Centro Marugnò, Aggius – Ex Palazzo Scolopi, Tempio P.

2015
Un giorno lento, Museo del Banditismo, Aggius
Sa petta su sambene sa molte, Festival “Storie di un attimo”, Olbia

2014
Un’eccezione, Società dello Stucco, Olbia

2013
Piccoli strumenti per interpretare il pianeta terra , Museo del Banditismo, Aggius

2012
Trentacinque fotografie facili e una difficile, Museo Etnografico MEOC, Aggius

COLLETTIVE

2014
Imprese e cadute di un vendicatore spaziale, Museo Archeologico, Arzachena

CATALOGHI

2011
Sputeremo sulle vostre tombe, Phileas edizioni

2012
Zugzwang, Phileas edizioni

2013
Un battito e poi il successivo, Phileas edizioni

2014
Io lui lei, Phileas edizioni
Feckless, Phileas edizioni

2015
Piccola galleria di donne e uomini utili, Phileas edizioni

2016
Un paese che racconta, Phileas edizioni
Feckless II / Autoprodotto
Cinque giorni imbecilli / Soter editrice
A colui che il Re onorerà / Autoprodotto
Trilogia di A., Soter editrice

2017
From the greyness of being ,Autoprodotto
The colored death’s book ,Phileas edizioni
Tre di tre, Phileas edizioni
M, il Mostro Bù e il Razionalismo, Phileas edizioni
Quaderno fallibile sull’esistenza di Dio, Phileas edizioni

2018
Non ho tempo, Phileas edizioni
Viaggio intorno alla mia cameretta, Autoprodotto
La natura è la chiesa di Satana Vol.1, Autoprodotto
Tetralogia dell’amore perduto, Autoprodotto
Mi ricorda un posto mi ricorda qualcuno, Autoprodotto
Diario dell’abbandono, Volume II, Autoprodotto

GIAIME MELONI
150 150 SPACE9

Giaime Meloni (1984, Cagliari)

Artista visivo, vive e lavora fra due isole: l’Île-de-France e la Sardegna.
Le ricerche che conduce sono oggetto di pubblicazioni e di conferenze internazionali (Canada, Francia, Italia, Portogallo). Le immagini sono concepite come uno dei possibili veicoli di restituzione dei suoi studi e con questo statuto sono state mostrate all’interno di diverse esposizioni. Nel 2017 è stato nominato tra i finalisti per il Premio Graziadei con il suo progetto Das Unheimliche.
Nel 2019 è stato selezionato da Camera – Centro Italiano per la fotografia per prendere parte al programma Futures supportato dalla Commissione Europea. Nello stesso anno è tra i finalisti del Premio Francesco Fabbri per la fotografia contemporanea.
Giaime Meloni insegna la cultura visiva come mezzo espressivo per la progettazione architettonica tra Francia e Italia.
Il suo lavoro esplora, dal punto di vista pratico e teorico, il ruolo dell’immagine come strumento sensibile di riproduzione dello spazio ordinario. Le sue fotografie si confrontano con alcune ossessioni visive, come le forme geometriche evocatrici di simboli e significati, che ritornano come costanti all’interno dei suoi progetti. All’interno dei suoi progetti Giaime Meloni esplora in maniera empirica l’ambiguità delle immagini nel loro processo di restituzione del reale. L’interesse specifico di questa pratica riflessiva è mettere in discussione l’istantaneità fotografica e il messaggio che essa porta.

PERSONALI

2019
Wallpaper #6, Le Bal, Parigi, Francia

2017
Columns of cultures, Ritmo Gallery, Catania

2016
Villaggio Eni, Librairie Volume, Parigi, Francia

2015
Arcaico, Facoltà di Architettura di Cagliari

2014
Territoires Esthétiques, Ensa Paris Val-de-Seine, Parigi, Francia

COLLETTIVE

2019
Pli Public Workshop Obsession, Pavillon de l’Arsenal, Parigi
Inner Space, Terza Triennale di Architettura di Lisbona, Museo Nazionala di Arte Contemporanea, Lisbona, Portogallo
What is Ornament? TTerza Triennale di Architettura di Lisbona, Culturgest, Lisbona, Portogallo
No man’s land, Galerie E Bregdetit, Vlore Albania
New Beauties, Pôle des cultures contemporaines de Nizza, Francia
Tour Eiffel Découvrir / Approcher / Visiter, Pavillon de l’Arsenal, Parigi, Francia
In ground we trust Première Biennale d’Architecture et Paysage de Versailles | Augures, Versailles, Francia

2018

Sardinian Young Architects Il Contributo della fotografia, Castello di San Michele, Cagliari
Pierre, Révéler la ressource, explorer le matériau, Pavillon de l’Arsenal, Parigi, Francia
Monumental, une histoire de formes sans dimension, Librairie Volume, Parigi, Francia
Matières à réflexion, ENSA Paris La Villette, Parigi, Francia
Fotografia in Sardegna, Fondazione Bartoli per l’Arte contemporanea, Cagliari

2016
Calamita/à, Matéria Gallery, Roma

2015
Castelli di Sabbia – Nivola E il Topo, Museo Nivola, Orani
Alt+1000 Festival de photographie de la montagne, Rossinière Svizzera

STUDI, RESIDENZE, PREMI

2019
Selezionato da CAMERA (Centro Italiano per la Fotografia) per il programma FUTURES
Finalista Premio Francesco Fabbri

2017
Finalista Premio Graziadei

2016 – 2018
residenza Das Unheimliche Progetto Borca – Borca di Cadore, Italia

2016
residenza Les formes du corps urbain – POLAU  Pôle de arts urbains de Tours, Francia

2014
residenza Calamita/à – Belluno, Italia

2009 – 2014
studi Università degli studi di Cagliari  | Université de Paris Ouest Nanterre La Défense, Francia

2013
residenza Foundation Alto Adige – Val Martello / Martellatalt, Italia

2003 – 2008
studi Università degli studi di Cagliari – Facoltà di Ingegneria Edile – Architettura

PUBBLICAZIONI

2016 – 2020 · editore della rivista di fotografia GENDA Magazine
2019 · rivista  L’Ecri  01 ‘Terrioires Fantômes’
2019 · rivista Spectre 02 ‘Vegetal Trauma’
2019 · rivista Fig. 05 ‘Oxymore’
2019 · rivista Carte Blanche 02
2019 · Columns of cultures,  Giornale autoprodotto
2017 · Before it was a desert, con Marcello Cualbu,  libro d’artista autoprodotto
2017 · rivista Spectre
2016 · rivista Classeur 01
2016 · rivista Trans Magazin N.28 ‘Doubt’
2016 · rivista Burrasca Fat/Anorexic
2015 · Banale & Brutale, con Cyrille Weiner , giornale autoprodotto
2014 – 2017 · collaboratore per la parte web della rivista d’arte e d’architettura DOMUS

INSEGNAMENTO, CONFERENZE, WORKSHOP

2017 – 2020 · docente a contratto  ENSA Paris-Est, Marne-la-Vallée, Francia
2019 · workshop Learning from Rome, Istituto culturale svizzero di Roma, Italia
2018 · workshop Surfaces Sensibles, FRAC Centre, Orléans Francia
2018 · workshop Eterotopia, Arcipelago della Maddalena, Italia
2017 · docente invitato The New School Parsons Parigi, Francia
2016 · La photographie et le monument Conferenza ENSA Versailles, Francia
2016 · Intervento artistico maison de quartier de Sevran, Francia
2015 – 2017 · docente a contratto Développement Urbain et Durable UPEM – Université Paris-Est Marne la Vallée, Francia
2015 · The photographic practice of architecture Conferenza Escola Superior Artistica do Porto, Portogallo
2015 · The representation of the urban body is a question of scale Conferenza  Facultade de Letras da Universidade do Porto, Portogallo
2014 – 2015 · insegnante a contratto DICAAR, Cagliari Italia
2014 · Sulcis in Itinere Conferenza Facultade de Architecture da Universidade do Porto, Portogallo
2013 · La recherche de la distance en photographie Conferenza Université de Montréal, Canada
2013 · Le Sulcis en photographie. Représentation d’un paysage miniere Conferenza Musée d’Art moderne et contemporaine, Saint-Étienne Métropole Francia

Sito personale: http://www.giaimemeloni.com
Profilo Facebook: @giaimemeloni

VITTORIO CANNAS
150 150 SPACE9

Vittorio Cannas (1986, Oristano)

Vive ed opera a Mogoro, nel territorio marimillese, dove mondo rurale e cultura sono fulcro della vita della comunità; qui coltiva e sviluppa il suo interesse per la fotografia.
I suoi racconti fotografici descrivono personaggi, umani e non, nella loro quotidianità, in un’essenza primaria avvolta da un contesto imparziale e minimale.
Ha esposto a Mogoro, Villanova Monteleone, Nuoro, Sassari, Oristano, Cagliari e San Sperate.
Dal 2011 è curatore e organizzatore, del BìFoto Fest, festival giunto alla sua settima edizione e vitale appuntamento per la promozione della cultura fotografica in Sardegna.

2017
Pinuccio, il viaggio della pietra, a cura di Vittorio Cannas e Maria Sciola, San Sperate

2016
Ignazio, a cura di Marco Sanna e Vittorio Cannas, Sassari
Ignazio, a cura di a-banda su Palattu, Villanova Monteleone
Ignazio, a cura di a-banda su Palattu, Sassari

2015
Vita di un cane schiavo della vita di un uomo, a cura dell’ass. Madriche e Vittorio Cannas, Nuoro

2014
Diversamente giovani, a cura di Vittorio Cannas, Mogoro
Vita di un cane schiavo della vita di un uomo, a cura di a-banda su Palattu, Villanova Monteleone

2013
Il miglior amico della bestia, a cura di Vittorio Cannas, Mogoro

2012
Vita di un cane schiavo della vita di un uomo, a cura di Vittorio Cannas, Mogoro
Palomar come mio padre, a cura di Dario Coletti e ass. Malik (dopo corso), Cagliari

2011
Street view, a cura di Vittorio Cannas, Mogoro

Sito personale: www.vittoriocannas.com
Profilo Facebook: vittoriocannas

PAOLO MARCHI
150 150 SPACE9

Paolo Marchi (1984, Cagliari)

Ha frequentato Liceo Artistico (Foiso Fois) a Cagliari e Accademia di Belle Arti (Mario Sironi) a Sassari. Vive e lavora in Sardegna, dove dal 2010 collabora con associazioni culturali per l’arte e la fotografia contemporanea, esponendo in diversi progetti nazionali ed internazionali.

COLLETTIVE

2018
Space_9 Istantanea in movimento sulla fotografia contemporanea in Sardegna, fondazione per l’arte Bartoli-Felter, Cagliari
Art Madrid, a cura di CasaFalconieri, Madrid

2017
#Intergetaward 2017 PhotoLux_ Biennale Internazionale di Fotografia, Lucca
Sardegna Contemporanea. Spazi, Archivi, Produzioni, Museo MAN, Nuoro
I Luoghi del Segno, a cura di CasaFalconieri, Castello di S. Michele, Cagliari

2016
Aperto, Museo del Carmelo, Sassari

2015
Sardegna Reportage Man, Museo Arte Contemporanea, Nuoro

2014
Bi Foto Festival, Museo Polifunzionale Mogoro

2013
In Beetwen, a cura di Emanuela Falqui e Marco Peri, Palazzo di città, Cagliari

2012
Dall’esilio. Giovane fotografia in Sardegna, a cura di Salvatore Ligios e Sonia Borsato, Gavoi , Nuoro
Desiderata exquisita n.6, a cura di Pinella Marras, Anna Maiorano e Cristina Reggio, Accademia delle Belle Arti, L’Aquila
AAM fiera d’arte contemporanea, Milano

2011
Ikas-Art 2011, Bilbao (Spagna)
Invito a Palazzo, Sassari

2010
Tessere, LEM, Sassari

PERSONALI
2013
Framework, a cura di Salvatore Ligios, LEM, Sassari
P2P #01 Panorama, a cura di Pastorello, Circoloquadro, Milano

2012
Carne Fuoco, Mamoiada, Nuoro
Menotrentuno III, a cura di Salvatore Ligios e Sonia Borsato, il Carmelo, Sassari

2011
Menotrentuno III, a cura di Salvatore Ligios e Sonia Borsato, Su Palatu, Villanova M.

2010
Narrare l’educazione, a cura di Salvatore Ligios, Sassari , Ittiri, Villanova M.
A (t) tratti, Galleria Bonaire Contemporanea , Alghero

MARIANNA OGANA
150 150 SPACE9

Marianna Ogana (1985, Porto Torres)

Intraprende gli studi presso l’Accademia di Belle Arti di Sassari nel novembre del 2012, consegue il diploma nel febbraio del 2016. Nello stesso anno collabora all’edizione ABANDA 2016 Fotografia contemporanea in Sardegna curata da Salvatore Ligios e Sonia Borsato. La ricerca artistica nasce dal desiderio di indagare e documentare la molteplicità degli aspetti che caratterizzano i paesaggi umani. Attualmente vive e lavora in Sardegna.

COLLETTIVE

2019
Trecentonovantadue, personale presso spazio Seuna Lab, Nuoro
Terra da abitare bellezza da custodire, progetto culturale a cura di Salvatore Ligios, in mostra presso Anfiteatro Caritas Tortolì, pubblicazione in catalogo.

2018
Space9
, catalogo online dedicato ai giovani artisti sardi, in mostra presso Fondazione Bartoli, Cagliari.
Cabussò, collettiva fotografica, Associazione Culturale Cabussò, Alghero.

2017
A.banda, giovane fotografia in Sardegna collettiva fotografica presso Villaverde, Oristano.
Il giardino dell’Eden, personale fotografica presso spazio Via Galileo Galilei 8, Porto Torres, Sassari.

2016
Menotrentuno Festival Internazionale della Giovane Fotografia in Sardegna – collabora con l’Associazione Culturale Su-Palatu nella realizzazione della V edizione del Festival curando il circuito A.banda.
faber FABER-L’Accademia racconta De André, presso Museo Mas.edu, Sassari.

2015
Partecipazione a BiGreen Biennale sul riciclo ed ecosostenibilità, Nuoro.

PUBBLICAZIONI

2019
Catalogo Terra da abitare bellezze da custodire, Soter editrice, Villanova Monteleone 2019.
Quotidiano La Nuova Sardegna, 29 settembre pagina Cultura&spettacolo
Quotidiano online Il risveglio della Sardegna link: https://ilrisvegliodellasardegna.it/sardegna-da-salvare/

2018
Magazine online Sardinia Innovation, https://sardiniainnovation.it/idea-nuoro

2017
Quotidiano L’Unione Sarda, giovedi 5 ottobre 2017 pg 47

2017
Catalogo A.BANDA 2017 Fotografia contemporanea, appunti sulla Sardegna, a cura di Sonia Borsato e Salvatore Ligios. Soter Editrice, Villanova Monteleone

2016
Catalogo A.BANDA 2016 Fotografia contemporanea, appunti sulla Sardegna, a cura di Sonia Borsato e Salvatore Ligios. Soter Editrice, Villanova Monteleone

2015
Catalogo BiGreen, biennale sul riciclo ed ecosostenibilità. Fondazione con il Sud, Nuoro
Catalogo Concorso Nazionale Arte e Sport. Coni, Roma.

2014
Catalogo Fiera d’arte del Piccolo Formato, Museo d’Arte Contemporanea FLM Banari (SS)

ALESSANDRO TOSCANO
150 150 SPACE9

Alessandro Toscano (1981, Cagliari)

Fotografo italiano con base tra Roma e Cagliari, la sua ricerca si sviluppa attorno a temi quali la relazione tra uomo e ambiente, il legame esistente tra percezione e rappresentazione e tra realtà e finzione. Laureato in Scienze della Comunicazione a La Sapienza di Roma, dopo la laurea si avvicina ad un approccio documentaristico alla fotografia e i suoi possibili sviluppi e applicazioni nel mondo dell’editoria. Nel 2009 fonda l’agenzia fotografia OnOff Picture. Nel 2014 sviluppa il progetto di arte partecipata A Closed Up Story (già presentato alla Biennale di Architettura di Venezia del 2012 all’interno del progetto di ricerca Carcere Spazio Urbano insieme al gruppo di architetti U-BOOT) attorno al tema della detenzione in Italia e sviluppato insieme ad un gruppo di detenuti nel Carcere di Buoncammino a Cagliari.
In questi ultimi anni la sua ricerca si amplia investigando i possibili sviluppi del linguaggio fotografico contemporaneo.

PERSONALI
2017
Heroes, cura di Micaela Deiana. M-Gallery Teatro Massimo, Cagliari.

2015
A Closed Up Story, a cura di Matteo Balduzzi / Mufoco, Carte-C, Musei Civici, Cagliari.

2014
Sardinian Postcards, a cura di Annalisa D’Angelo, Exmà, Cagliari.

COLLETTIVE
2015
Sardinian Postcards, a cura di Alessandra Mauro, Spazio Forma Meravigli, Milano.

2013
Photolux Festival, Lucca.
Incontri ad Eea, progetto in residenza, a cura di Federica Forti, Ponza.

2009
OnOff Picture Photo Agency, a cura di Sonia Borsato e Salvatore Ligios. Su Palatu, Villanovamonteleone.

2007
100 anni CGIL, a cura di Giuseppe Onorati, itinerante, 2007.

PUBBLICAZIONI
2017
Pubblicazioni su Mare Magazine (maggio) e Le Nouvel Observateur (gennaio).

2016
Pubblicazioni su La Repubblica (novembre e ottobre).

2015
Pubblicazioni su Io Donna (ottobre), Financial Times Weekend Magazine (settembre), Internazionale (settembre) e Wired (gennaio).

2014
Pubblicazioni su Documentary Platform (novembre), Famiglia Cristiana (ottobre), Altair Magazine (settembre), Huffington Post (settembre) e Le Parisien Magazine (marzo).

2013
Pubblicazioni su Focus (dicembre), Internazionale (novembre), Famiglia Cristiana (novembre), Grazia (novembre), Il Venerdì di Repubblica (novembre), Causette Magazine (novembre), L’espresso (ottobre), Wired (settembre), L’espresso (agosto) e Qui Touring (maggio).

2012
Pubblicazioni su L’espresso (ottobre), Io Donna (settembre), D di Repubblica (settembre), SETTE Corriere della Sera (luglio), L’espresso (giugno) e D di Repubblica (maggio).

2011
Pubblicazioni su GEO (dicembre), L’espresso (luglio), D di Repubblica (giugno), Internazionale (maggio), L’espresso (gennaio) e Wired (gennaio).

2010
Pubblicazioni su Internazionale (dicembre), Wired (dicembre), L’espresso (novembre), D di Repubblica, (settembre), Glamour (maggio) e D di Repubblica (settembre).