Articolo di :

admin_space9

GIAIME MELONI
150 150 SPACE9

Giaime Meloni (1984, Cagliari)

Artista visivo, vive e lavora fra due isole: l’Île-de-France e la Sardegna.
Le ricerche che conduce sono oggetto di pubblicazioni e di conferenze internazionali (Canada, Francia, Italia, Portogallo). Le immagini sono concepite come uno dei possibili veicoli di restituzione dei suoi studi e con questo statuto sono state mostrate all’interno di diverse esposizioni. Nel 2017 è stato nominato tra i finalisti per il Premio Graziadei con il suo progetto Das Unheimliche.
Nel 2019 è stato selezionato da Camera – Centro Italiano per la fotografia per prendere parte al programma Futures supportato dalla Commissione Europea. Nello stesso anno è tra i finalisti del Premio Francesco Fabbri per la fotografia contemporanea.
Giaime Meloni insegna la cultura visiva come mezzo espressivo per la progettazione architettonica tra Francia e Italia.
Il suo lavoro esplora, dal punto di vista pratico e teorico, il ruolo dell’immagine come strumento sensibile di riproduzione dello spazio ordinario. Le sue fotografie si confrontano con alcune ossessioni visive, come le forme geometriche evocatrici di simboli e significati, che ritornano come costanti all’interno dei suoi progetti. All’interno dei suoi progetti Giaime Meloni esplora in maniera empirica l’ambiguità delle immagini nel loro processo di restituzione del reale. L’interesse specifico di questa pratica riflessiva è mettere in discussione l’istantaneità fotografica e il messaggio che essa porta.

PERSONALI

2019
Wallpaper #6, Le Bal, Parigi, Francia

2017
Columns of cultures, Ritmo Gallery, Catania

2016
Villaggio Eni, Librairie Volume, Parigi, Francia

2015
Arcaico, Facoltà di Architettura di Cagliari

2014
Territoires Esthétiques, Ensa Paris Val-de-Seine, Parigi, Francia

COLLETTIVE

2019
Pli Public Workshop Obsession, Pavillon de l’Arsenal, Parigi
Inner Space, Terza Triennale di Architettura di Lisbona, Museo Nazionala di Arte Contemporanea, Lisbona, Portogallo
What is Ornament? TTerza Triennale di Architettura di Lisbona, Culturgest, Lisbona, Portogallo
No man’s land, Galerie E Bregdetit, Vlore Albania
New Beauties, Pôle des cultures contemporaines de Nizza, Francia
Tour Eiffel Découvrir / Approcher / Visiter, Pavillon de l’Arsenal, Parigi, Francia
In ground we trust Première Biennale d’Architecture et Paysage de Versailles | Augures, Versailles, Francia

2018

Sardinian Young Architects Il Contributo della fotografia, Castello di San Michele, Cagliari
Pierre, Révéler la ressource, explorer le matériau, Pavillon de l’Arsenal, Parigi, Francia
Monumental, une histoire de formes sans dimension, Librairie Volume, Parigi, Francia
Matières à réflexion, ENSA Paris La Villette, Parigi, Francia
Fotografia in Sardegna, Fondazione Bartoli per l’Arte contemporanea, Cagliari

2016
Calamita/à, Matéria Gallery, Roma

2015
Castelli di Sabbia – Nivola E il Topo, Museo Nivola, Orani
Alt+1000 Festival de photographie de la montagne, Rossinière Svizzera

STUDI, RESIDENZE, PREMI

2019
Selezionato da CAMERA (Centro Italiano per la Fotografia) per il programma FUTURES
Finalista Premio Francesco Fabbri

2017
Finalista Premio Graziadei

2016 – 2018
residenza Das Unheimliche Progetto Borca – Borca di Cadore, Italia

2016
residenza Les formes du corps urbain – POLAU  Pôle de arts urbains de Tours, Francia

2014
residenza Calamita/à – Belluno, Italia

2009 – 2014
studi Università degli studi di Cagliari  | Université de Paris Ouest Nanterre La Défense, Francia

2013
residenza Foundation Alto Adige – Val Martello / Martellatalt, Italia

2003 – 2008
studi Università degli studi di Cagliari – Facoltà di Ingegneria Edile – Architettura

PUBBLICAZIONI

2016 – 2020 · editore della rivista di fotografia GENDA Magazine
2019 · rivista  L’Ecri  01 ‘Terrioires Fantômes’
2019 · rivista Spectre 02 ‘Vegetal Trauma’
2019 · rivista Fig. 05 ‘Oxymore’
2019 · rivista Carte Blanche 02
2019 · Columns of cultures,  Giornale autoprodotto
2017 · Before it was a desert, con Marcello Cualbu,  libro d’artista autoprodotto
2017 · rivista Spectre
2016 · rivista Classeur 01
2016 · rivista Trans Magazin N.28 ‘Doubt’
2016 · rivista Burrasca Fat/Anorexic
2015 · Banale & Brutale, con Cyrille Weiner , giornale autoprodotto
2014 – 2017 · collaboratore per la parte web della rivista d’arte e d’architettura DOMUS

INSEGNAMENTO, CONFERENZE, WORKSHOP

2017 – 2020 · docente a contratto  ENSA Paris-Est, Marne-la-Vallée, Francia
2019 · workshop Learning from Rome, Istituto culturale svizzero di Roma, Italia
2018 · workshop Surfaces Sensibles, FRAC Centre, Orléans Francia
2018 · workshop Eterotopia, Arcipelago della Maddalena, Italia
2017 · docente invitato The New School Parsons Parigi, Francia
2016 · La photographie et le monument Conferenza ENSA Versailles, Francia
2016 · Intervento artistico maison de quartier de Sevran, Francia
2015 – 2017 · docente a contratto Développement Urbain et Durable UPEM – Université Paris-Est Marne la Vallée, Francia
2015 · The photographic practice of architecture Conferenza Escola Superior Artistica do Porto, Portogallo
2015 · The representation of the urban body is a question of scale Conferenza  Facultade de Letras da Universidade do Porto, Portogallo
2014 – 2015 · insegnante a contratto DICAAR, Cagliari Italia
2014 · Sulcis in Itinere Conferenza Facultade de Architecture da Universidade do Porto, Portogallo
2013 · La recherche de la distance en photographie Conferenza Université de Montréal, Canada
2013 · Le Sulcis en photographie. Représentation d’un paysage miniere Conferenza Musée d’Art moderne et contemporaine, Saint-Étienne Métropole Francia

Sito personale: http://www.giaimemeloni.com
Profilo Facebook: @giaimemeloni

VITTORIO CANNAS
150 150 SPACE9

Vittorio Cannas (1986, Oristano)

Vive ed opera a Mogoro, nel territorio marimillese, dove mondo rurale e cultura sono fulcro della vita della comunità; qui coltiva e sviluppa il suo interesse per la fotografia.
I suoi racconti fotografici descrivono personaggi, umani e non, nella loro quotidianità, in un’essenza primaria avvolta da un contesto imparziale e minimale.
Ha esposto a Mogoro, Villanova Monteleone, Nuoro, Sassari, Oristano, Cagliari e San Sperate.
Dal 2011 è curatore e organizzatore, del BìFoto Fest, festival giunto alla sua settima edizione e vitale appuntamento per la promozione della cultura fotografica in Sardegna.

2017
Pinuccio, il viaggio della pietra, a cura di Vittorio Cannas e Maria Sciola, San Sperate

2016
Ignazio, a cura di Marco Sanna e Vittorio Cannas, Sassari
Ignazio, a cura di a-banda su Palattu, Villanova Monteleone
Ignazio, a cura di a-banda su Palattu, Sassari

2015
Vita di un cane schiavo della vita di un uomo, a cura dell’ass. Madriche e Vittorio Cannas, Nuoro

2014
Diversamente giovani, a cura di Vittorio Cannas, Mogoro
Vita di un cane schiavo della vita di un uomo, a cura di a-banda su Palattu, Villanova Monteleone

2013
Il miglior amico della bestia, a cura di Vittorio Cannas, Mogoro

2012
Vita di un cane schiavo della vita di un uomo, a cura di Vittorio Cannas, Mogoro
Palomar come mio padre, a cura di Dario Coletti e ass. Malik (dopo corso), Cagliari

2011
Street view, a cura di Vittorio Cannas, Mogoro

Sito personale: www.vittoriocannas.com
Profilo Facebook: vittoriocannas

PAOLO MARCHI
150 150 SPACE9

Paolo Marchi (1984, Cagliari)

Ha frequentato Liceo Artistico (Foiso Fois) a Cagliari e Accademia di Belle Arti (Mario Sironi) a Sassari. Vive e lavora in Sardegna, dove dal 2010 collabora con associazioni culturali per l’arte e la fotografia contemporanea, esponendo in diversi progetti nazionali ed internazionali.

COLLETTIVE

2018
Space_9 Istantanea in movimento sulla fotografia contemporanea in Sardegna, fondazione per l’arte Bartoli-Felter, Cagliari
Art Madrid, a cura di CasaFalconieri, Madrid

2017
#Intergetaward 2017 PhotoLux_ Biennale Internazionale di Fotografia, Lucca
Sardegna Contemporanea. Spazi, Archivi, Produzioni, Museo MAN, Nuoro
I Luoghi del Segno, a cura di CasaFalconieri, Castello di S. Michele, Cagliari

2016
Aperto, Museo del Carmelo, Sassari

2015
Sardegna Reportage Man, Museo Arte Contemporanea, Nuoro

2014
Bi Foto Festival, Museo Polifunzionale Mogoro

2013
In Beetwen, a cura di Emanuela Falqui e Marco Peri, Palazzo di città, Cagliari

2012
Dall’esilio. Giovane fotografia in Sardegna, a cura di Salvatore Ligios e Sonia Borsato, Gavoi , Nuoro
Desiderata exquisita n.6, a cura di Pinella Marras, Anna Maiorano e Cristina Reggio, Accademia delle Belle Arti, L’Aquila
AAM fiera d’arte contemporanea, Milano

2011
Ikas-Art 2011, Bilbao (Spagna)
Invito a Palazzo, Sassari

2010
Tessere, LEM, Sassari

PERSONALI
2013
Framework, a cura di Salvatore Ligios, LEM, Sassari
P2P #01 Panorama, a cura di Pastorello, Circoloquadro, Milano

2012
Carne Fuoco, Mamoiada, Nuoro
Menotrentuno III, a cura di Salvatore Ligios e Sonia Borsato, il Carmelo, Sassari

2011
Menotrentuno III, a cura di Salvatore Ligios e Sonia Borsato, Su Palatu, Villanova M.

2010
Narrare l’educazione, a cura di Salvatore Ligios, Sassari , Ittiri, Villanova M.
A (t) tratti, Galleria Bonaire Contemporanea , Alghero

QUARTIERINO BLATTA
150 150 SPACE9

Quartierino Blatta

Paola Porcu (1982, Oristano) e Tania Zoccheddu (1981, Oristano).
Entrambe diplomate in scultura presso l’accademia di belle arti di Sassari, dal 2003, oltre che i propri percorsi individuali come scultrici, portano avanti il progetto “Quartierino Blatta”.
Inizialmente attive con azioni performative, si concentrano in una fase più matura sulla fotografia, come documentazione di azioni ormai inesistenti.
Irresistibilmente attratte da tutto ciò che è degrado e squallore, si crogiolano fra vecchiume e ciarpame, sguazzandoci dentro per creare, attraverso la pellicola fotografica, visioni di mondi reali e non, che raccontano storie di immensa miseria e perversione. 

PERSONALI

2013
Wallpaper, a cura di Sonia Borsato, galleria LEM, Sassari.

2011
The Play rooom, a cura di Sonia Borsato, “Su Palatu” Villanova Monteleone, SS.

COLLETTIVE

2017
The Brig, a cura di Chiara Schirru e Ivo Serafino Fenu, pinacoteca Carlo Contini, Oristano.

2016
Le Dame c’est moi, a cura di Roberta Filippelli, Bluebauer spazio arte, Alghero, SS.

2015
Start up, fiera, Alghero.

2014
Deep, a cura di Arianna Beretta, Circolo quadro, Milano.

2013
Shout, a cura di Sonia Borsato e Maurizio Coccia, Museo d’arte contemporanea Masedu, Sassari.

MANUELA MELONI
150 150 SPACE9

Manuela Meloni (1985, Cagliari)

É una fotografa freelance con base a Cagliari. Si interessa principalmente alla fotografia sociale e ambientale, con progetti a lungo termine lavorando soprattutto nel territorio nazionale.
Nel 2011, si è laureata presso l’Accademia Albertina di Belle Arti di Torino successivamente continuando i suoi studi all’ ISFCI di Roma conseguendo un Master in fotogiornalismo.
Ha esposto per il MAN di Nuoro, Trentino Immagini, Festival dell’Ambiente a Taranto, Foto Leggendo a Roma e altri piccoli festival.
Attualmente collabora internamente all’agenzia Contrasto, ha pubblicato editorialmente in diverse testate nazionali e internazionali, tra cui gruppo RCS, Internazionale e altri.

ESPOSIZIONI

2017
TEATRO CIVICO, Cagliari, Officine Permanenti

2015
ISFCI, Roma, Manuela Fugenzi

2014
TARANTO AMBIENTE, Taranto
TRENTINO IMMAGINI, Trentino
MAN, Nuoro

2013
GHETTO DEGLI EBREI, Cagliari, Margherita Zanardi

PUBBLICAZIONI

Il Racconto Onesto, a cura di Goffredo Fofi, Contrasto Books

VERONICA MUNTONI
150 150 SPACE9

Veronica Muntoni (1987, Villacidro, CA)

Si diploma al Liceo Artistico Foiso Fois di Cagliari e prosegue la sua formazione  all’Accademia di belle arti “Mario Sironi” di Sassari.
Artista pluridisciplinare, sceglie i propri mezzi espressivi in base alle esigenze del momento; non si considera una fotografa, per quanto sia il mezzo espressivo più utilizzato nei propri lavori, permettendole di tradurre ciò che diversamente lei stessa non riuscirebbe a far emergere con chiarezza dal proprio inconscio.
Definisce i propri scatti “promemorie emozionali per il terrore di un domani insensibile”, un’auto-rappresentazione che, pur non essendo mai auto-ritratto, esprime proiezioni inconsce, rimozioni , paure, angosce e desideri.
Attualmente risiede a Cagliari dove, tra le varie attività, è membro del collettivo di sperimentazione fotografica e resistenza analogica Sa/gura che promuove laboratori di camera e oscura , progetti legati all’ arte visuale e collaborazioni di vario genere.

PERSONALI

2018
Narrazioni Anatomiche, a cura di Matteo Deiana, festiva Photofestival Milano, Spazio Raw, Milano
Narrazioni Anatomiche, a cura di Sonia Borsato, rassegna Io canto il corpo elettrico, TEN, Nuoro
Narrazioni Anatomiche, a cura di Sonia Borsato, rassegna Io canto il corpo elettrico, spazio Cabusso’, Alghero

2014
SOMEWHERE – a cura di Davide Mariani, Messaggerie Sarde, Sassari (in collaborazione con l’associazione culturale Nessun Dorma)

COLLETTIVE

2019
Io canto il corpo Elettrico. Piccola rassegna di potenziamento identitario, a cura di Sonia Borsato, Fondazione Bartoli Felter, Cagliari
Inaugurazione Sa/Gura. Progetti fotografici, S’UMBRA, Cagliari
Dilliri Drill, a cura di Giovanni Manunta “Pastorello”, rassegnaLodine. Giornate per l’Arte, ex scuole elementari, Lodine (NU)

2018

Tarli, a cura di Roberta Filippelli, sedi varie, Sassari
Space 9. Istantanea in movimento sulla fotografia contemporanea in Sardegna, a cura di Sonia Borsato e Giovanni Follesa, Fondazione Bartoli Felter, Cagliari
Lavacrum, a cura di Dario Caria e Marina Scardacciu, testo critico di Alessandro Ponzeletti, Antico lavatoio, Uri (SS)
Attraverso le meraviglie di Alice, a cura di Marco Nateri, T-Hotel, Cagliari

2017
Ossimoro, a cura di Eleonora Calaresu , Spazio Lo Quarter , Alghero (SS)
B- Reast, a cura di Sonia Borsato e Giovanni Follesa, Camera di Commercio, Sassari

2016

La dame c’est moi, Collettiva a cura di Roberta Filippelli Galleria Blublauerspazioarte, Alghero
AZOLA – esito del WS con Zanele Muhali e Lindeka Quampi, a cura di Emanuela Falqui, Erik Chevalier e Laura Farneti, MAN, Nuoro

2015
Legami, a Cura di Pinella Marras, Tancredi Tilocca, Aldo Tilocca, galleria L.E.M., Sassari
49 artisti per 49 stanze, Hotel Coluccia, Santa Teresa di Gallura (SS)
Moi Meme, a cura di Mariolina Cosseddu e Roberta Filippelli, Blublauerspazioarte, Alghero (SS)

2014
L’Erba voglio, a cura di Mariolina Cosseddu e Roberta Filippelli, Blublauerspazioarte, Alghero (SS)
Festival Abarra, Villacidro (SU)
InContemporaneo, a cura di Margherita Atzori, Caffè De Candia, Cagliari
Posthuman, Torre di San Giovanni, Atelier Piazza Pino Piras, Alghero (SS)
AHOGP280614, a cura di Roberta Filippelli e Valeria Cherchi, Galleria  Blublauerspazioarte, Alghero (SS)
Primavera Laber – Rossini’s promenade, a cura di Sonia Borsato, Centro Laber, Time in Jazz, Berchidda (OT)

2013
Disappear / All Around, a cura di Davide Mariani, MUD’A, Aglientu (OT)
Premio Babel, a cura di Roberta Vanali, Efisio Carbone e Carla Deplano, Centro Culturale Il Ghetto, Cagliari
Desiderata exquisita n.6, a cura di Pinella Marras e Anna Maiorano, Microgalleria Cristina Reggio, L’Aquila

2010
Abracadabra, a cura di Narcisa Monni, Nulvi (SS)
40×40, a cura di Mario Fois, Trittico Ironico, Nuoro

PREMI E RICONOSCIMENTI

2013
I° premio categoria fotografica, Premio Babel, ideato da Roberta Vanali, Associazione Culturale Babel.

MIMÌ ENNA
150 150 SPACE9

Mimì Enna (1991, Oristano)

Vive e lavora tra l’Italia e la Francia.
La sua ricerca si concentra sul significato dell’immagine nei contesti quotidiani in cui essa si palesa. Ottenute attraverso il mezzo fotografico o recuperate da fonti esterne – come libri o materiale on line – le immagini vengono integrate all’interno di installazioni, video e performance, con l’intento di verificare quanto i linguaggi dell’arte possano essere connessi ai modi di agire del quotidiano, alle forme note, a quanto di già esistente e familiare.

PERSONALI

2019
Years Go By Quickly Days Never pass, con Melania Fusco, Citè des Arts, Paris

2016
PROGETTO FALLIRE, a cura di Gino Gianuizzi, Bologna
Duetti | Delocazione dello studio di una psicologa, a cura di Lelio Aiello e Massimo Marchetti, LOCALEDUE, Bologna
Festa del mare, progetto curato in collaborazione con Gianmarco Porru, Oristano

COLLETTIVE

2019 
Photo Open Up, Festival Internazionale di Fotografia, curated by Carlo Sala, Padua
Ça se passe à Montmartre!, Villa Radet, Paris
2018
Finalists exhibition of Francesco Fabbri prize, curated by Francesco Fabbri Foundation, Ca’ dei Ricchi, Treviso
Teatrum Botanicum, curated by Giulia Mengozzi, PAV Torino
Spime, curated by Micaela Deiana, Museum MAN, Nuoro
Archipiélago oeste, curated by FRAC Corse, MAN Nuoro, Es Baluard, Es Baluard, Palma di Maiorca
Prière de toucher, a project by Ermanno Cristini with Giulia Brivio e Luca Scarabelli, Fondazione Bandera per l’arte, Busto Arsizio

2017
South Explorer, BAD Foundation, curated by BAD Foundation Rotterdam
Archipel Ouest, parnership between Museum Frac (Corsica), Museum MAN (Sardinia) and Museum Es Baluard (Maiorca), FRAC Museum, Corte, France
La lunga strada di sabbia, a cura di Pleasant Journeys into Faraway Lands, LOCALEDUE, Bologna
Points shop now costumize, a cura di Mara V. Tagliati e Sergia Avveduti, CAR DRDE, Bologna
Distiller, a cura di Bruno Barsanti e Gabriele Tosi, un progetto di Gelateria Sogni Di Ghiaccio per Outer Spaces, a cura di Ginevra Bria, Future Dome, Milano
The Tourist, un progetto di Mattia Pajé, Montevideo, Uruguay
Open Studio Academy Awards Viafarini, organizzato da I. Coppola, M.G. Drago, M. Enna, T.M.
Postiglione Øvrelid, Gabriel Stöckli, Fabbrica del Vapore, Milano
From object to exposure, a cura di Carlo Sala, Ca’ Dei Ricchi, Treviso

2016
Percorsi, a cura di Giuseppe Lufrano e Davide Rivalta, Conservatorio G. B. Martini, Bologna
DRYER, un progetto a cura di Gabriele Tosi, Art Verona, Verona
Hen House, a project by Mattia Pajé a cura di Stefano Volpato, Casa Sponge, Pergola
Fuoriuso-Avviso di Garanzia, a cura di Giacinto di Pietrantonio e Simone Ciglia, Spazi dell’ ex Tribunale, Pescara
La grandezza delle mani, a cura di Lelio Aiello e Massimo Marchetti, P420, Bologna
LJOS, a cura di SìM Residency, SìM GALLERY, Reykjavik
In Factory, a cura di Accademia di Belle Arti e Philip Morris, Accademia di Belle Arti, Bologna
La lingua degli affetti e del desiderio, un progetto di Cesare Pietroiusti, RAUM, Bologna

2015
Disseminazione, a cura di Gino Gianuizzi, Casabianca, Bologna -#Rebus, oTTo Gallery, Bologna
Untiltled, a cura di Anteo Radovan, Galleria Casabianca, Zola Predosa, Bologna

RICONOSCIMENTI / RESIDENZE

2017
Vincitrice di Museum Residency, Museo Ettore Guatelli, a cura di Guatelli contemporaneo, Parma
Residenza a Dolomiti Contemporanee, progetto Borca, curato da Gianluca D’Inca Levis

2016
Residenza a SìM Residency Rejkyavik, Islanda

2015
Premio Roberto Daolio, seconda classificata, vincitrice della residenza al SìM Residency Rejkyavik, Islanda
Codice Italia Academy, selezionata per il workshop di Antonio Biasucci, curato da Vincenzo Trione, Biennale di Venezia

2014
Opera, menzione speciale, premio curato da Beatrice Buscaroli e Daniele Casadio, Ravenna, Italy

Sito personale: http://www.mimienna.it/
Profilo Facebook: https://www.facebook.com/mimi.enna
Profilo instagram: https://www.instagram.com/mimi_enna
indirizzo email:emanuela.enna@gmail.com

STEFANIA MATTU
150 150 SPACE9

Stefania Mattu (1985, Nuoro)

Si diploma presso l’Istituto Europeo di Design a Roma e inizia a lavorare nel campo della fotografia e post-produzione. Dopo un master presso l’ICP a New York e London College of Communication intraprende un percorso più personale, unendo il linguaggio video alla produzione fotografica. Ha esposto in gallerie e musei in Italia e all’estero.

PERSONALI
2012
Walls & Bones, Laboratorio Terrapintada, Bitti (Italy)
2008
The Ecstasy of Youth, MENOTRENTUNO II – International Photography Festival, Villanova Monteleone (SS)

COLLETTIVE
2016
FRACTURES, a cura di Federica Landi, RIU PROJECT, Rimini

2013
Me, Myself and I – Collective Exhibition, Galleria Marconi, San Benedetto del Tronto
Paducah Photo 2013, Yeiser Art Center, Paducah, KY
Immagini Tra le Righe, Teatro Eliseo, Nuoro
2012
L’Architettura del Mondo: Infrastrutture, mobilità, nuovi paesaggi, Triennale di Milano, Milan
IPA Best of Show 2012, Smashbox Studios, Los Angeles
Su Palatu Young Photographers Collection, Museo Casa Lai, Gavoi
The Fence – Photoville, Brooklyn Bridge Park, New York
Paducah Photo 2012, Yeiser Art Center, Paducah, KY
AOP Student Awards – Collective Exhibition, Hoxton Gallery, London
Paesaggi, Museo del Corallo, Alghero (SS)
ABanda, Ex Convento del Carmelo, Sassari

2011
Donkey Art Prize, Blindonkey, Spazio De Santis, Milan

2010
Of Bodies and Other Things, ICP – International Center of Photography, New York

2009
MENOTRENTUNO II – The Ecstasy of Youth, Accademia di Belle Arti, Sassari (Italy)

SILVIA PAZZOLA
150 150 SPACE9

Silvia Pazzola (1985, Sassari)

Diploma di Laurea presso l’Accademia di Belle Arti “Mario Sironi” di Sassari con tesi sull’autoritratto fotografico, tra il 2012 e il 2013 collabora presso l’Accademia di Belle Arti di Sassari come tutor nel laboratorio di fotografia, svolto dal docente Salvatore Ligios.

COLLETTIVE

2018
Magnificat, presso lo spazio Corrale di Neoneli (NU), a cura di Anna Rita Punzo e Baingio Cuccu
Premio Arte di Marca, presso lo Sferisterio di Macerata (MC),a cura della Galleria d’arte Laboratorio 41
Premio Road To Green, presentazione dei progetti finalisti spazi Piazza Venezia Roma, a cura dall’associazione Road to Green 2020
VI edizione La Mente Artistica,a cura dall’Associazione culturale ArtisticaMente, Pio Sodalizio Dei Piceni Piazza San Salvatore in Lauro Roma
Space9, istantanea in movimento sulla fotografia contemporanea in Sardegna,a cura di Sonia Borsato e Giovanni Follesa, presso i locali della fondazione per l’arte Bartoli Felter (CA)

2017
Premio Arte Irgoli, organizzata dalla Collezione Mameli, presso i locali Civico 27, Irgoli (NU).
Beyond the Gap, organizzata dal collettivo CURL laboratorio di Critica d’Arte e Pratiche Curatoriali del Dipartimento di Scienze Umanistiche e Sociali (DUMAS), presso i locali dell’Istituto Statale d’Arte Filippo Figari di Sassari.
Barbaja 2017, artisti sardi a Bologna, organizzato dall’associazione culturale Olbia/Pulse Spazio/Arte, presso i locali del circolo culturale La Staffa Bologna.

2016
L’erba voglio, il regalo che vorrei, curata da Roberta Filippelli, presso i locali del Res Pubblica, Alghero (SS).
2015
GPAHO210614, organizzata da Roberta Filippelli, presso i locali della galleria Blublauerspazioarte, Alghero (SS).
2014
Abanda, svolta durante il festival internazionale di fotografia Menotrentuno IV, organizzato dall’associazione culturale Su Palatu con Salvatore Ligios e Sonia Borsato
2012
Girovagando xv, festival internazionale di Arte di strada, realizzazione ritratti fotografici, esposizione itinerante per le vie del quartiere di S.Donato Sassari.
2011
Ikas Art, III Muestra internazional encounter of university art, esposizione facoltà di belle Arti Bilbao, Spagna.
Giovane violenza, festival internazionale di fotografia Menotrentuno III, organizzato dalla associazione culturale Su Palatu con Salvatore Ligios e Sonia Borsato, presso i locali del museo etnografico Paulilatinu (OR) e presso il museo Carmelo Sassari.
2010
Narrare l’Educazione, organizzato della Conferenza Episcopale Sarda presso il museo Su Palatu Villanova Monteleone (SS).

PUBBLICAZIONI
2017
Pubblicazione scatti fotografici sul libro di Giorgio Bonomi, Il corpo dell’artista, l’autoscatto nella fotografia contemporanea, volume II.
2012
Pubblicazione scatti fotografici realizzati per Menotrentuno III, nella rivista internazionale Il Fotografo.

Profilo Facebook: www.facebook.com/silvia.pazzola
Profilo Instatgram: www.instagram.com/silvia.pazzola/
Email: silvia.pazzola@gmail.com

FAUSTO URRU
150 150 SPACE9

Fausto Urru (1983, Oristano)

Si diploma al Liceo Scientifico di Oristano nel 2002. Quindi si trasferisce a Bologna per gli studi nella Facoltà di Scienze Politiche. Nel 2005 consegue il Diploma di Laurea triennale in Relazioni internazionali. Si installa a Bruxelles. Parallelamente al corso di Laurea Specialistica in Cooperazione internazionale, frequenta il corso di Fotografia presso l’école Supérieure des Arts de l’Image “le 75”. Nel 2008 consegue la Laurea magistrale in Cooperazione internazionale alla Facoltà di Conservazione dei Beni culturali di Bologna, sede di Ravenna. L’anno seguente termina la Laurea in Fotografia. Assistente di Eric Dessert nel 2009 a Lyon, si trasferisce a Parigi nel 2010 dove attualmente lavora come fotografo indipendente.

PERSONALI
2017
Ritratto, a cura di Sarah Doignon, Centre Intermondes, La Rochelle, Francia.

2015
Autour de In limine, a cura di Céline Ramio, Château-Musée de Boulogne-sur-Mer, Boulogne-sur-Mer Francia.

2013
In limine, a cura di Baingio Cuccu, MURATS – Museo Unico Regionale dell’Arte Tessile, Samugheo.
Maelström, Galerie de L’Avant Seine – Théâtre de Colombes, Colombes, Francia.
L’espace du dehors, a cura di Christine Dessemme, Musée Municipal d’Art et d’Histoire, Colombes Francia.
In limine, a cura di Salvatore Ligios e Sonia Borsato, Gallerie L.E.M. – Rassegna Sassari_ Fotografia 2013, Sassari.

2012
Niorts, all’interno della collettiva Ecritures de lumière, a cura di Arnaud Stinès, RURART, Rouillé Francia.
Eterotopie, a cura di Salvatore Ligios, S’Olivariu, Gonnesa.
Cité Modèle, a cura di David Declercq, Médiathèque – Espace culturel Robert Hossein, Merville, Francia.
Eterotopie, nel quadro della rassegna “A.Banda”, selezione 2011, Festival Menotrentuno – Giovane fotografia europea in Sardegna_Young European Photography in Sardinia, a cura di Salvatore Ligios, Ex Convento del Carmelo, Sassari.

2011
Eterotopie, nel quadro della rassegna “A.Banda”, selezione 2011, Festival Menotrentuno – Giovane fotografia europea in Sardegna_Young European Photography in Sardinia, a cura di Salvatore Ligios Sa Domo Manna, Villanova Monteleone (SS).
Cité Modèle, nel quadro della collettiva “Nord[s]”, Festival Transphotographiques, a cura di Ericka WeidmannPalais Rameau, Lille, Francia.

2010
Silences urbains, Rencontres photographiques de Dunkerque, première édition 2010, a cura di Paul Leroux, Château Coquelle, Francia.
Vie est espaces – Fragments d’un écart, a cura di Pia Viewing, Centre Régional de la Photographie Nord Pas-de-Calais, Douchy-les-Mines, Francia.